L’agopuntura può aiutare a contrastare la perdita di capelli?

209

L’agopuntura può davvero avere un ruolo positivo nella lotta alla calvizie? Come funziona questa tecnica? Esistono prove scientifiche riguardo la sua efficacia? Quanti e quali trattamenti possono essere eseguiti con questa tecnica? Quali risultati si possono ottenere? Quali sono gli effetti collaterali?

L’obiettivo di questo articolo è proprio quello di rispondere a tutte queste domande e fare chiarezza sulla tecnica dell’agopuntura utilizzata per contrastare la perdita di capelli.

 

Cos’è l’agopuntura?

L’agopuntura è una pratica tradizionale cinese, utilizzata nei secoli per curare una varietà di malattie, come l’insonnia, la nausea o il mal di schiena. Storicamente, l’agopuntura veniva utilizzata in Cina come trattamento accanto a altre cure naturali, quali erbe e massaggi. Solo in tempi recenti l’agopuntura ha cominciato a essere scelta da chi soffre di problematiche varie anche da sola senza combinarla con le altre cure menzionate.

 

Come funziona l’agopuntura?

Per comprendere il funzionamento dell’agopuntura è importante innanzitutto conoscere il principio cinese del Qi (anche noto come ch’i o chi).

 

Cos’è il Qi?

Secondo la cultura tradizionale cinese, il Qi è l’energia vitale che scorre attraverso ogni essere vivente. E’ simile all’idea occidentale degli umori e al concetto di forza vitale nello yoga. Molte civiltà di tutto il mondo hanno la loro versione di questa stessa idea.

Cosa c’entra l’agopuntura con il Qi? Nella medicina cinese persiste la credenza che il Qi scorra nei corpi seguendo precise strade, note come meridiani, che costituiscono una sorta di sistema circolatorio filosofico. Così com’è possibile che il sistema circolatorio si intasi e si blocchi con coaguli di sangue, allo stesso modo può accadere che i meridiani si occludano. Quando questo succede il Qi non riesce a scorrere come dovrebbe, provocando disagi e malattie.

 

I benefici dell’agopuntura

 

L’agopuntura è un trattamento naturale che permette di curare un grande numero di condizioni e malattie. L’agopuntura ha numerosissimi benefici:

  1. Equilibrio gastrointestinale

L’agopuntura ha mostrato di poter essere usata per trattare numerose problematiche gastrointestinali e, in generale, per promuovere la motilità gastrointestinale.

 

  1. Salute mentale

Le ricerche mostrano che l’agopuntura può essere utile per trattare i più gravi disordini depressivi nelle donne incinte. Inoltre, sono state raccolte promettenti prove a favore dell’utilizzo dell’agopuntura per curare depressione e ansia, anche se saranno necessarie ricerche più approfondite.

 

  1. Trattamento del dolore di muscoli e legamenti

L’osteoartrite è la forma più comune di artrite e colpisce i legamenti di tutto il corpo. Un insieme di studi raccolti in un fascicolo nel 2006 ha indicato l’efficacia dell’utilizzo dell’agopuntura nella gestione del dolore dovuto all’osteoartrite nei legamenti delle ginocchia.

 

  1. Sollievo dal dolore e dalla tensione

L’emicrania e i mal di testa dovuti alla tensione possono essere efficacemente trattati con l’agopuntura. Lo stesso vale per il dolore alla mascella.

 

L’agopuntura può aiutare la lotta contro la calvizie?

Come abbiamo detto, l’agopuntura è un trattamento efficace per numerosi problemi di salute comuni. E riguardo il trattamento della calvizie? Fortunatamente, l’agopuntura può aiutare a trattare efficacemente anche la perdita di capelli. Come?

Esistono due principali benefici che l’agopuntura può garantire a chi soffre di perdita di capelli. Il primo è la riduzione dell’infiammazione follicolare e la conseguenze creazione di un ambiente più favorevole alla crescita dei capelli. Il secondo è l’aumento della circolazione sanguigna verso lo scalpo, così da stimolare i follicoli, consegnare i nutrimenti e favorire di conseguenza la crescita dei capelli.

Il DHT viene identificato come principale causa della miniaturizzazione che colpisce i follicoli. L’agopuntura non può stoppare la produzione di DHT, ma può aiutare a revitalizzare i follicoli danneggiati, sia grazie all’azione antinfiammatoria che grazie all’aumentato flusso sanguigno.

 

Cosa dicono le ricerche riguardo l’agopuntura per il trattamento della calvizie?

L’efficacia dell’agopuntura non è solo una credenza comune, ma esistono vere e proprie prove scientifiche che supportano la tesi che l’agopuntura sia un trattamento realmente efficace contro la calvizie.

Uno studio infatti, effettuato nel 2011 e pubblicato sul “Journal of Acupuncture and Tuina Science”, ha preso sotto esame 78 pazienti affetti da alopecia areata. 43 pazienti sono stati trattati con l’agopuntura, mentre i restanti 35 sono stati curati con una combinazione di Cystina, Vitamina B1 e soluzioni di Minoxidil. Il trattamento è durato 4 mesi.

Alla fine del ciclo di cure, i risultati sono stati sorprendenti. I pazienti che erano stati sottoposti all’agopuntura hanno assistito a un tasso di efficacia del trattamento del 97.7%, mentre i pazienti trattati con gli altri metodi menzionati sopra hanno avuto un tasso di efficacia solo del 77.1%. Questo significa che l’agopuntura ha dimostrato di essere più efficace nel trattamento della calvizie rispetto agli altri metodi tradizionali, come il Minoxidil.

Un altro studio simile a questo si può trovare sul “Journal of Chinese Medicine” e ha come protagonista Jiang and Liu, un uomo di 36 anni affetto da alopecia occipitale che ha ricevuto tre separati cicli di agopuntura. A seguito del primo, hanno cominciato a crescergli capelli sottili e lanuginosi. Dopo il secondo, la lanugine si era diffusa su tutta la zona precedentemente glabra. E, alla fine, dopo il terzo ciclo, è stata osservata una crescita di capelli sani. Potrebbe sembrare che questo studio nello specifico sia molto limitato, ma in realtà, in generale, le ricerche a oggi disponibili riguardo l’utilizzo dell’agopuntura nel trattamento della calvizie sono molto ricche. Ricerche future dovranno sì illustrare il preciso meccanismo che sta dietro l’efficacia dell’agopuntura nel trattamento della perdita di capelli, ma già le ricerche a oggi disponibili ne dimostrano ampiamente l’efficacia.

I risultati sono provati, a prescindere dal fatto che si creda che siano dovuti allo sblocco del passaggio del Qi nei meridiani o alla migliore circolazione sanguigna e alla conseguente maggiore consegna di nutrienti alle cellule dello scalpo.

Sicuramente l’agopuntura è una tecnica fantastica per chi cerca una cura naturale alla perdita di capelli senza contro effetti a lungo termine.

 

Quali sono gli effetti collaterali dell’agopuntura?

Se effettuata da un professionista con sufficiente esperienza e correttamente formato, l’agopuntura può essere un’alternativa efficace e sicura ai trattamenti medici moderni e ai farmaci.

Tuttavia bisogna fare molta attenzione perché ognuno risponde in modo diverso all’agopuntura e potrebbero presentarsi diversi contro effetti a seguito delle sessioni, quali affaticamento, indolenzimento, ecchimosi e spasmi muscolari. Fortunatamente, questi effetti collaterali sono temporanei e di solito blandi, anche se è comunque consigliabile rivolgersi al medico, specialmente se tali sintomi persistono o se sembrano peggiorare sessione dopo sessione.

Per le donne incinte è importante lavorare con professionisti specializzati in agopuntura materna, dato che alcuni punti di agopressione sono noti per indurre il travaglio e causare nascite pre-termine.

 

Cosa bisogna aspettarsi dal trattamento della calvizie con l’agopuntura?

Si può essere incerti riguardo tale pratica o magari non la si è mai presa in considerazione fino a questo momento. Cosa ci si può aspettare da una prima visita e dal conseguente trattamento?

In realtà, la prima visita iniziale con un agopunturista professionista non è poi così diversa da una classica visita dal medico di base. Ad esempio, viene chiesto di svolgere qualche esame fisico e di fornire un’approfondita storia medica. Quest’informazione è essenziale per l’agopunturista che così saprà fornire il miglior trattamento possibile nel caso specifico.

Un ultimo consiglio da non dimenticare: avere una mentalità aperta. I risultati non saranno immediati e ci si potrebbe voler arrendere dopo solo una o due sessioni. Tuttavia, è importante attenersi al programma deciso con l’agopunturista prima di arrendersi e di lanciare giudizi. La cosa migliore è essere molto chiari con il professionista e farsi spiegare anticipatamente in modo approfondito quando ha senso cominciare ad aspettarsi determinati risultati.